Messa di Pasqua in Vaticano, Papa Francesco: “Vince la Misericordia di Dio, imploriamo la Pace per il Mondo intero”

GUARDA IL VIDEO DELLA MESSA, IL MESSAGGIO URBI ET ORBI E LA FOTOGALLERIA

LEGGI IL TESTO DEL MESSAGGIO URBI ET ORBI

Il sorriso di Papa FrancescoCITTA’ DEL VATICANO – Il cuore è gonfio, non sanno di cosa. Gioia, allegria, dolcezza, consapevolezza, dolore. Troppe le emozioni della messa pasquale. Commossi per una tenerezza infinita, per l’amore senza limite. Quando le persone lasciano piazza San Pietro hanno un nodo in gola, non riescono a parlare. Gli occhi lucidi. Le parole e i gesti di Papa Francesco hanno colpito, sono entrate in profondità. Durante il messaggio Urbi et Orni dalla Loggia della basilica il suo augurio di Buona Pasqua a tutti, la richiesta di Pace per tutto il mondo e il grido contro la tratta degli esseri umani, che è “proprio la schiavitù più estesa in questo ventunesimo secolo!”: 

“Cari fratelli e sorelle di Roma e del mondo intero, buona Pasqua! Buona Pasqua! Che grande gioia per me potervi dare questo annuncio: Cristo è risorto! Vorrei che giungesse in ogni casa, in ogni famiglia, specialmente dove c’è più sofferenza, negli ospedali, nelle carceri. Soprattutto vorrei che giungesse a tutti i cuori, perché è lì che Dio vuole seminare questa Buona Notizia…Ha vinto l’amore, ha vinto la misericordia! Sempre vince la misericordia di Dio!Papa Francesco chiede “cosa significa che Gesù è risorto” e la risposta è: “che l’amore di Dio è più forte del male e della stessa morte, significa che l’amore di Dio può trasformare la nostra vita, far fiorire quelle zone di deserto che ci sono nel nostro cuore”.  Continua a leggere

Veglia di Pasqua. Papa Francesco: “Non abbiate paura delle sorprese di Gesù”

GUARDA IL VIDEO DELLA MESSA E L’OMELIA:

CITTA’ DEL VATICANO – Una fila lunga, per tutto il colonnato della piazza di San Pietro. In piedi per ore, dalle due del pomeriggio fino alle 19.00, quando la Basilica viene riaperta. I fedeli in coda, scomposti e rasentando l’inciviltà, si spingono per raggiungere i varchi tanta è la voglia di entrare in chiesa e prendere un “buon posto -dicono – solo per stare il più vicino possibile a dove passerà Papa Francesco”. 

Papa Francesco con cero pasquale

Il Pontefice, che con estrema tenerezza nella sua omelia, da buon pastore, invita i fedeli a non chiudersi, a non perdere la speranza, a non rassegnarsi mai perché “non c’è situazione che Dio non possa cambiare, non c’è peccato che non possa perdonare”. E chiede al Signore che ci apra alla sua novità che trasforma, alle sorprese di Dio, tanto belle”. 

All’inizio della cerimonia, tutto è buio all’interno della basilica di San Pietro, nessuno vede. La voce di Papa Francesco, lontana, si sente fuori campo. Continua a leggere

Sacra Sindone, l’ostensione in mondovisione e su Ipad. Papa Francesco: “Il volto di Gesù ci guarda”

GUARDA IL VIDEO MESSAGGIO DI PAPA FRANCESCO

Sacra sindoneCITTA’ DEL VATICANO – Nel Sabato Santo, che precede la Pasqua, un evento particolare in mondovisione: l’ostensione della Sacra Sindone dalla Cattedrale di Torino dove è custodita da più di tre secoli. L’appuntamento per ammirare il Telo tanto discusso è su Rai Uno, all’interno del programma “A sua immagine”.

Prima delle immagini in diretta è andato in onda il video messaggio di Papa Francesco, che ha spiegato come il “volto sfigurato assomiglia a tanti volti di uomini e donne feriti da una vita non rispettosa della loro dignità, da guerre e violenze che colpiscono i più deboli… eppure il Volto della Sindone comunica una grande pace...è come se ci dicesse: abbi fiducia, non perdere la speranza; la forza dell’amore di Dio, la forza del Risorto vince tutto”.

Continua a leggere

VIA CRUCIS AL COLOSSEO, PAPA FRANCESCO: “LA CROCE L’UNICA RISPOSTA AL MALE”

GUARDA LO STREAMING DELLA VIA CRUCIS Al COLOSSEO E LA FOTOGALLERY:

ColosseoROMA – Uno scenario suggestivo, il simbolo di Roma antica, il Colosseo di sera, illuminato dalle padelle romane. E l’attesa per Papa Francesco, per le sue parole. Nelle due settimane trascorse dalla sua elezione al soglio Pontificio lo abbiamo visto immergersi nei bagni di folla, raccolto, concentrato, sorridente, parlare a braccio nelle sue omelie, lavare i piedi ai giovani detenuti di Casal del Marmo.

Ora la prima via Crucis, la sera del Venerdì Santo, dopo la Celebrazione della Passione di Gesù nella Basilica di San Pietro. Papa Francesco è arrivato in macchina e, con il finestrino abbassato ha salutato i fedeli lungo la strada, prima di salire, sempre in auto, sulla terrazza Palatina, dove è stato allestito per lui un Gazebo rosso. Da qui, il Papa ha seguito le quattordici tappe della via Crucis e ha aspettato la Croce. Poi ha pronunciato il suo discorso, breve, conciso –“non aggiungerò molte parole”, dice – ma intenso, carico di significato: “la Croce è l’unica risposta al male”. Un inno alla purificazione. E Conclude con “tutto è amore”.  

Continua a leggere

La messa del Venerdì Santo nella Basilica di San Pietro

CITTÀ DEL VATICANO – Il secondo giorno del Triduo Pasquale inizia così, nel più classico dei modi: Papa Francesco entra nella Basilica di San Pietro con il paramento rosso, il simbolo del martirio, percorre la lunga navata centrale e si prostra per alcuni minuti davanti all’altare. Nella Basilica regna il più perfetto dei silenzi. La folla accompagna il Papa con la preghiera: è uno dei tre momenti più emozionanti di tutta la liturgia del Venerdì Santo, è l’inzio della celebrazione del memoriale della crocifissione e della morte di Gesù.

Continua a leggere

Aspettando la via Crucis dal Colosseo

Roma – Dal Colosseo le prime immagini dei fedeli che aspettano la Via Crucis e si addossano intorno al percorso che farà la Croce lungo le quattordici stazioni e sotto il gazebo sulla terrazza Palatina dove Papa Francesco assisterà e aspetterà la Croce. 

GUARDA LA FOTOGALLERY DEI FEDELI CHE ASPETTANO LA VIA CRUCIS DALLE PRIME ORE DEL POMERIGGIO:

 

Papa Francesco lava i piedi dei giovani detenuti: “Vi porto la carezza di Gesù”

GUARDA IL VIDEO/IMMAGINI ESCLUSIVE

Papa Francesco lava i piediCITTA’ DEL VATICANO – Un’omelia breve, brevissima anzi, per la Messa della Cena del Signore nel Carcere minorile di Casal del Marmo. Ma ricca di significato.  Poche parole piene d’amore prima di un gesto unico, tenero, sentito “con il cuore”, la lavanda dei piedi a dodici giovani dell’istituto. 

La tenerezza di Papa Francesco per i più deboli è sprigionata dalle sue parole e dai suoi gesti, così carichi di umiltà. Ai 50 ragazzi del Carcere Bergoglio ha parlato a braccio, spontaneo:   Continua a leggere

Giovedì Santo, Papa Francesco ai sacerdoti: “Siate pastori con il profumo delle pecore”

Guarda il video della messa/l’omelia/il foto racconto

Schermata 03-2456380 alle 12.46.36CITTÀ DEL VATICANO – La Messa del Crisma, la prima per Papa Francesco. Eletto da appena due settimane e già alle prese con i riti della Settimana Santa, che tanti fedeli sta attirando a Roma, in pellegrinaggio. Questa mattina il nuovo Pontefice ha celebrato la sua prima Messa del Crisma, in cui ha consacrato gli oli che saranno utilizzati per i sacramenti durante l’anno.

Ai sacerdoti ha detto: “Uscite nelle periferie dove c’è sofferenza, c’è sangue versato, c’è cecità che desidera vedere, ci sono prigionieri di tanti cattivi padroni”Parole forti. Un richiamo al clero per ritrovare la vocazione pastorale, quella che serve per stare vicino agli ultimi, ai deboli, ai poveri. “Questo io vi chiedo – dice Bergolio – siate pastori con il profumo delle pecore”. 

Continua a leggere

La forza comunicativa di Papa Francesco

di Mario Scelzo

Le dimissioni di Benedetto XVI, il Conclave e l’elezione di Francesco sono stati dei grandi eventi storici e mediatici che hanno segnato un’epoca. Solitamente però, per quanto un evento possa essere grande e complesso, dopo un po’ ci si abitua, cala l’attenzione, altre notizie prendono la scena, dalla Storia con la S maiuscola si torna alla cronaca del quotidiano. Succede per tutti i “grandi eventi”, dalla guerra in Iraq, al terremoto dell’Aquila, eventi che giustamente prendono il sopravvento nei sommari dei telegiornali e nelle prime pagine dei quotidiani, ma che lentamente escono di scena.  Continua a leggere

Papa Francesco, il documentario

CITTÀ DEL VATICANO –  “Sono un grande peccatore, confidando nella misericordia, nel perdono di Dio e nella sofferenza accetto”. Queste sono le prime parole che Jorge Mario Bergoglio pronuncia da Papa, quando il cardinale Decano Giovanni Battista Re gli chiede se accettare o meno l’elezione. A ricordare quei momenti è un altro porporato, Angelo Comastri, durante l’intervista che uscirà tra due settimane nel DVD prodotto in collaborazione da Rai Eri, CTV e Corriere della Sera, intitolato appunto “Papa Francesco”.

Continua a leggere