VIA CRUCIS AL COLOSSEO, PAPA FRANCESCO: “LA CROCE L’UNICA RISPOSTA AL MALE”

GUARDA LO STREAMING DELLA VIA CRUCIS Al COLOSSEO E LA FOTOGALLERY:

ColosseoROMA – Uno scenario suggestivo, il simbolo di Roma antica, il Colosseo di sera, illuminato dalle padelle romane. E l’attesa per Papa Francesco, per le sue parole. Nelle due settimane trascorse dalla sua elezione al soglio Pontificio lo abbiamo visto immergersi nei bagni di folla, raccolto, concentrato, sorridente, parlare a braccio nelle sue omelie, lavare i piedi ai giovani detenuti di Casal del Marmo.

Ora la prima via Crucis, la sera del Venerdì Santo, dopo la Celebrazione della Passione di Gesù nella Basilica di San Pietro. Papa Francesco è arrivato in macchina e, con il finestrino abbassato ha salutato i fedeli lungo la strada, prima di salire, sempre in auto, sulla terrazza Palatina, dove è stato allestito per lui un Gazebo rosso. Da qui, il Papa ha seguito le quattordici tappe della via Crucis e ha aspettato la Croce. Poi ha pronunciato il suo discorso, breve, conciso –“non aggiungerò molte parole”, dice – ma intenso, carico di significato: “la Croce è l’unica risposta al male”. Un inno alla purificazione. E Conclude con “tutto è amore”.  

Continua a leggere

Giovedì Santo, Papa Francesco ai sacerdoti: “Siate pastori con il profumo delle pecore”

Guarda il video della messa/l’omelia/il foto racconto

Schermata 03-2456380 alle 12.46.36CITTÀ DEL VATICANO – La Messa del Crisma, la prima per Papa Francesco. Eletto da appena due settimane e già alle prese con i riti della Settimana Santa, che tanti fedeli sta attirando a Roma, in pellegrinaggio. Questa mattina il nuovo Pontefice ha celebrato la sua prima Messa del Crisma, in cui ha consacrato gli oli che saranno utilizzati per i sacramenti durante l’anno.

Ai sacerdoti ha detto: “Uscite nelle periferie dove c’è sofferenza, c’è sangue versato, c’è cecità che desidera vedere, ci sono prigionieri di tanti cattivi padroni”Parole forti. Un richiamo al clero per ritrovare la vocazione pastorale, quella che serve per stare vicino agli ultimi, ai deboli, ai poveri. “Questo io vi chiedo – dice Bergolio – siate pastori con il profumo delle pecore”. 

Continua a leggere