Francesco, il Vescovo di Roma, si insedia sulla Cattedra di San Giovanni in Laterano – Guarda lo streaming

ROMA – Il Vescovo di Roma prende possesso della sua Cattedra nella Basilica di San Giovanni in Laterano. Ad attenderlo migliaia di persone che già dal primo pomeriggio hanno cominciato a mettersi in fila. L’intera comunità ecclesiale capitolina saluta Papa Francesco per la Messa di insediamento che inizia alle 17.30. Prima della celebrazione e del giro in Papamobile, nel piazzale del Vicariato, il Papa scopre una targa: la piazza sarà intitolata “Largo Beato Giovanni Paolo II”.

GUARDA QUI LO STREAMING VIDEO DELLA CELEBRAZIONE DI INSEDIAMENTO:

Angelus Divina Misericordia, Papa Francesco: “Non dobbiamo aver paura di essere cristiani”

GUARDA IL VIDEO DELL’ANGELUS:

CITTA’ DEL VATICANO – Più di centomila persone in piazza San Pietro, per l’Angelus, per la benedizione. Per Francesco. I bagni di folla per il Papa non sono finiti e sembra che il rapporto tra il Vescovo di Roma e popolo, popolo e Vescovo di Roma”, come ha ripetuto più volte il Pontefice, sia un amore sincero e profondo. I fedeli gridano di gioia e rispondono ai “buon giorno” e ai “buon pranzo” di Papa Bergoglio.

“Pace a voi”, ha salutato così Papa Francesco i fedeli che lo acclamavano in piazza, “ è un dono, anzi, il dono prezioso che Cristo offre ai suoi discepoli dopo essere passato attraverso la morte e gli inferi. Dona la pace, come aveva promesso”. Nel giorno della Divina Misericordia ricorda il Beato Giovanni Paolo II, mentre la folla applaude: Oggi è la Domenica della Divina Misericordia, per volontà del beato Giovanni Paolo II, che chiuse gli occhi a questo mondo proprio alla vigilia di questa ricorrenza”.

Continua a leggere

L’ Appartamento è pronto, ma Francesco resta al Santa Marta

CITTA’ DEL VATICANO – Da oltre 140 anni il terzo piano del Palazzo Apostolico Sisto V è la residenza papale, dove abita il Pontefice, in un “lussuoso isolamento”. Spesso in Piazza San Pietro le persone indicano le finestre dell’ “Appartamento”, è così che si chiama in gergo, e ai loro bambini dicono: “Guarda, lì vive il Papa”. Dove dorme, studia, mangia, scrive, da dove si affaccia la domenica per l’Angelus e riceve le persone in udienza, nella biblioteca. E’ l’appartamento che viene sigillato dal cardinale Camerlengo durante la sede vacante, per morte o, come nel caso di Benedetto XVI, dimissioni. In attesa del nuovo Papa. E invece, Papa Francesco, riserva un’altra sorpresa, una scelta in linea con il suo stile, da puro gesuita, di vocazione alla semplicità.

Continua a leggere