Papa Francesco conferma gli incarichi dei dicasteri

Di nuovo ai posti di comando, come un mese fa, prima dell’inizio della sede vacante. Almeno per ora, o almeno donec aliter provideatur, fino a data da destinarsi. Papa Francesco ha confermato gli incarichi dei capi e i membri dei dicasteri della Curia romana, così come quella dei segretari e il presidente della Pontificia Commissione dello Stato della Città del Vaticano.

Rimangono quindi ai loro posti i tre membri del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, che rappresenta il potere esecutivo: il Cardinale Giuseppe Bertello; il Segretario Generale il Vescovo Giuseppe Sciacca e il Vicesegretario Generale.

Ma soprattutto rimane in carica il rappresentante del più antico e rilevante dicastero della Curia: il Cardinale Segretario di Stato Tarcisio Bertone, nominato da Benedetto XVI il 22 giugno 2006.

Ma tutto è ancora da scrivere. Il Pontefice, unico a cui spetta il potere decisionale, ha preferito prendere un periodo di tempo per riflettere e pregare, prima di fare nuove nomine o di confermarle.

 

Papa Francesco entra incuriosito nel suo nuovo appartamento

Dopo l’apertura dei sigilli, ieri Papa Francesco ha visitato il suo nuovo appartamento, accompagnato dal Camerlengo Tarcisio Bertone e dal Prefetto della Casa Pontificia Georg Gaenswein. Nel suo volto l’espressione incuriosita di chi vuole scoprire al più presto cosa c’è dietro la porta e con voce bassa ed emozionata sussurra al segretario particolare del suo predecessore Monsignor Georg: “Accendi la luce!”

Il Papa continuerà ad alloggiare ancora per qualche tempo nella stanza numero 201 della Domus Sanctae Marthae, in attesa della conclusione dei lavori di manutenzione dell’appartamento nel Palazzo Apostolico. La ristrutturazione non durerà a lungo perché gran parte dei lavori sono stati fatti otto anni fa quando a entrare nella casa fu Benedetto XVI.

Papa Francesco parla ai cardinali con il sorriso della saggezza

 

È un Papa sorridente quello che incontra i cardinali nella Sala Clementina in Vaticano. Un Papa che cerca di leggere le parole di un discorso già scritto, ma che in verità preferisce rompere gli schemi e parlare a braccio, per arrivare ancora di più al cuore di quei cardinali che lo hanno eletto.

 

Continua a leggere

Inizia il Conclave: prima fumata, è nera

Il giorno di inizio del Conclave. Dopo la “Messa Pro Eligendo Romano Pontifice”, alle 16:30 i 115 cardinali elettori, cantando il “Veni Creator Spiritus”, hanno raggiunto in processione la Cappella Sistina

Guarda il video:

In processione, i cardinali sono disposti in ordine inverso rispetto agli ordini di appartenenza e all’anzianità: ad aprire il cardinale James Michael Harvey dell’Ordine dei diaconi, mentre chiudono la fila di 115 porporati il Camerlengo Tarcisio Bertone e il Decano del Collegio Cardinalizio Giovanni Battista Re

Continua a leggere